Scarpe da running: come e quali scegliere

Le scarpe per un runner sono l’elemento fondamentale, ESSENZIALE per correre bene, dopo la testa ovviamente.

Senza la testa che ci spinge avanti, al primo km molliamo.

Senza scarpe da running giuste, corriamo anche 20 km ma come?

Male.

Correre le scarpe sbagliate porta:

  • Dolori a ginocchia e articolazioni
  • Contratture e infiammazioni muscolo-tendinee
  • Dolori alla zona lombare
  • Scarso rendimento
  • Nessun miglioramento di tempo
  • Corsa poco goduta, infelice, faticosa

Capiamo bene quanto sia indispensabile scoprire la scarpa giusta per noi prima di continuare a correre male o addirittura arrenderci e lasciare la corsa, credendo non sia il nostro sport.

Spesso non sappiamo come scegliere le scarpe. Quali requisiti debba avere per essere la scarpa che fa per noi.

Io le provo. Ne ho provate davvero tante. Ho capito piano piano e di volta in volta, quali vadano bene per me in un dato momento. Quali possano farmi correre supportata, agevolata, confortata e quali proprio non fanno per me.

Grazie a questo però, ho capito che una scarpa che non fa per me, può essere perfetta per altre.

Quindi per scegliere, capiamo meglio che esigenze o problematiche abbiamo.

  1. Da quanto tempo corro? Se vi siete avvicinare alla corsa da poco è consigliabile orientarsi su scarpe neutre, comode, poco rigide, abbastanza leggere, stabili e mediamente ammortizzate. Sarete sicure di correre con serenità, senza appesantire le articolazioni e senza creare quelle tensioni muscolari che scarpe troppo o poco strutturare potrebbero creare. Se invece correre da tanto, avete una buona confidenza col gesto atletico, passate alla domanda successiva.
  2. Corro da tanto ma non mi trovo bene con le scarpe che ho, come le scelgo? Se state utilizzando scarpe troppo strutturate, forse il vostro problema è quello. Siete troppo vincolate dalle scarpe durante il running e, a causa di quello non avete trovato ancora il vostro passo e la vostra bella corsa liscia e felice. Io mi orienterei su un neutro poco strutturato ma con una buona tecnologia reattiva e di ammortizzamento.
  3. Corro da tanto ma non miglioro il mio tempo. Le scarpe giuste, 98 su 100 sono scarpe leggere. Con poca struttura ma reattive e propulsive. Ripeto LEGGERE.
  4. Mi fanno sempre male le ginocchia dopo una corsa. Ecco allora ci vogliono scarpe molto ammortizzate. E soprattutto dobbiamo fare attenzione a cambiarle quando perdono la marcia in più che ci davano all’inizio.

Queste sono gli elementi in base ai quali faccio scegliere le scarpe alle ragazze che alleno, quando riscontrano problemi con la corsa.

Ora vi farò esempi concreti di scarpe che consiglio e in quali casi.

  • BROOKS GHOST: queste sono perfette per chi è alle prime armi con la corsa, non ha particolari problemi di ginocchia oppure per chi corre da tempo ma dopo ogni running ha un dolore nuovo.
  • NIKE PEGASUS 35: le consiglio a chi vuole migliorare la performance e godersi maggiormente il running oppure a chi corre da poco ma cerca maggior disinvoltura. Le sconsiglio a chi ha problemi lombari. Sono scarpe per avere una corsa molto naturale ed easy.
  • BROOKS GLYCERINE: sono le scarpe perfette per chi non corre più a causa di dolori alle ginocchia o lombari. Sono meno leggere, ma preservano, aiutano e sollevano tanto.
  • NIKE ZOOM FLY: per tutte le ragazze che vogliono migliorare il loro tempo, divertirsi in corsa, fare dei running di “diversi”, sono un MUST HAVE. Attenzione però! Dovete essere esperte per quanto riguarda la tecnica perché sono scarpe che vanno DOMATE. Sì domate, gestite, usate a nostro favore, altrimenti ci fanno deragliare, davvero eh!
  • ASICS NIMBIUS 20: sono scarpe molto strutturate è molto ammortizzate. Io le preferisco per camminare ma ke trovo adatte per chi ama sentirsi stabile, protetta, guidata in corsa. Non vanno bene a chi soffre di tendiniti o semplici fastidi. La loro struttura potrebbe accentuarli perché davvero gestiscono, vincolano la nostra corsa.

Per chiudere vi dico quali uso io. Ad oggi alterno Nike pegasus 35 alle Zoom fly. Le prime le uso su terreni piuttosto duri perché mi ammortizzano maggiormente o quando cerco un running più allenante.

Le Zoom fly infatti, agevolano molto la mia corsa. Mi danno molta spinta e io devo lavorare e faticare meno. Ho abbassato parecchio il mio tempo da quando le uso e soprattutto mi diverto molto di più. Grazie a quelle scarpe sono diventata più agile s scattante e controllo molto molto meglio il mio gesto.

Uso le Brooks Ghost quando ho qualche disequilibrio muscolo-tendineo o sono infortunata.

Per camminare Nimbius tutta la vita!

Detto questo, quale scarpa fa per voi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.