Vegetali: perdono proprietà con la cottura?

Sì, è vero: i vegetali con la cottura perdono alcune delle loro proprietà. E’ vero anche che ne guadagnano altre.

La cottura fa perdere a frutta e verdura parte delle vitamine che contengono, ma aumenta in maniera incredibile il loro potere antiossidante, la loro digeribilità e di conseguenza il loro assorbimento ed utilizzo da parte del nostro organismo.

Vediamo perché.

Le cellule che compongono tutti i vegetali sono racchiuse in una sorta di guaina di cellulosa, cosa che il nostro apparato digerente non è in grado di scomporre perché gli mancano gli enzimi.

Di conseguenza Riusciremo a beneficiare solo in parte delle proprietà della verdura cruda.

Quindi?

Quindi la cuociamo!

Mediante la cottura la guaina si scioglierà e noi, o meglio il nostro apparato digerente, avrei accesso a vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti.

Vi faccio degli esempi concreti per capire meglio.

Le carote:

dopo la cottura l’apporto di beta-carotene, un precursore della vitamina A (retinolo), che tanto bene fa alla nostra pelleaumenta 5 volte. Se aggiungiamo olio a crudo, la percentuale di beta-carotene aumenta di 10 volte, essendo una vitamina liposolubile. Ossia i grassi fanno da veicolo al carotene e il corpo lo assimila più in fretta e meglio. D’altro canto perderemo in gran parte la vitamina C. Quindi l’ideala è mangiarle in entrambi i modi

 

I pomodori: 

la loro colorazione rossa è data dal licopene, un potentissimo antiossidante che combatte l’invecchiamento, aiuta il sistema cardiovascolare e previene alcune forme tumorali. Ecco con la cottura dei pomodori, il suo contenuto aumenta esponenzialmente. Ricordo che in cottura i pomodori perdono molte vitamine, quindi, vanno assolutamente consumati anche crudi.

 

I mirtilli: 

contengono infinite proprietà tra cui quella antiossidante apportata dai flavonoidi. Proprietà che aumenta di 50 volte una volta cotti. Quindi aumenterà il loro potere anti radicali, anti tumorale, di aiuto alla circolazione. Crudi hanno invece, hanno potere potere drenante, antinfiammatorio, proteggono dalle malattie.

 

Gli spinaci:

mangiati cotti ci ci daranno grandi quantità ferro, magnesio e calcio. Potremo avere molto ferro anche se li consumiamo crudi e conditi con olio e limone. L’olio veicolerà la vitamina E e la citmina C del limone, aumenterà l’assorbibilità del ferro.

 

Insalate, rucola, cetrioli è preferibile mangiarli crudi per mantenere inalterati vitamina E e sali minerali, magari conditi con olio aceto e limone.

Idem mele e pere: cotte perdono molte delle loro vitamine anche se possono aiutare in caso di stitichezza!

Dimenticavo: attenzione anche alle cotture!

Più acqua usiamo, più proprietà disperdiamo. quindi prediligiamo cotture al forno, al microonde, a vapore, a pressione o padellate con un goccio di acqua. Evitiamo di bollire troppo le verdure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.