Come placare gli attacchi di fame

“Come posso placare la fame quando vorrei divorare il frigo?”

L’attacco di “fame”, essendo noi donne parecchio emotive, è un problema che conosciamo molto bene. Non a caso può accentuarsi nella fase premestruale dove gli ormoni e le emozioni fanno i salti.

È principalmente una questione mentale. Spesso infatti non è vera fame o meglio, assoluta necessità del corpo di nutrirsi. È più una necessità della testa e del “cuore”.

Allora, vediamo un po’ qualche consiglio e strategia per placare gli attacchi di fame, quando non riusciamo a toglierci il chiodo.

  1. È essenziale mangiare sano, pulito ed equilibrato, nei 3 pasti principali: colazione abbondante con frutta, carboidrati e una fonte proteica (io mangio pane e marmellata, un frutto e caffellatte). A pranzo alterniamo pasta o riso con una fonte proteica tipo pollo, piselli, pesce (io faccio un piatto unico) e verdure, ad insalatone o verdure con carne o pesce o uova e un pezzo di pane. Per cena fonte proteica (carne pesce o uova o formaggio fresco) con verdure e pane.
  2. Importantissimo è mangiare ciò che ci piace cercando di cucinarlo in modo light. Dobbiamo essere soddisfatte dal pasto, non frustrate!!!
  3. Fare gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio con yogurt o frutta o frutta secca.
  4. In caso di attacchi di fame sgranocchiare sedano o finocchio o cetriolo o una manciatina di mandorle o uva passa. Anche la cioccolata fondente (1 o 2 quadretti) all’80-90%, puó aiutare a e placare la fame e darci soddisfazione senza incidere sul bilancio calorico, da molta carica ed è anti ossidante!
  5. Bere un caffè o un tè o una tisana e prendersi 5 minuti per stoppare dal caos della giornata. Se è lo stress che ci spinge a mangiare, farci una coccola  e ascoltarci sarà molto utile. In estate io mi faccio anche granite al limone: trito il ghiaccio col minipimer e aggiungo succo di limone spremuto. 
  6. Importantissimo è avere un giorno in cui mangiare ció ci piace tantissimo, dare sfogo alle nostre golosità. Così quando ci verrà voglia di “sgarrare”, pensiamo a quel giorno come obiettivo e lo  aspettiamo come premio!
  7. Concedersi ogni giorno una cosa che ci piace anche se non è proprio proprio in linea con l’alimentazione pulita: io ad esempio mi bevo 2 birre. Esempi di alcune delle ragazze che mi seguono: 5 caramelle gommose, oppure 2 baci perugina, un’altra dei biscotti Plasmon!
  8. Impegnarsi in un’attività piacevole o utile è altresì molto efficace a a scacciare il pensiero cibo. 

Io così facendo, non ho più problemi. Guardo ai piccoli obiettivi del giorno e della settimana. Così non esiste più un sacrificio enorme, anche perché ho imparato a cucinare bene ciò che mi piace.
Credo di aver detto tutto.

Datemi riscontri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.